Seguici

Calcio

Post Giana-Lecco, D’Agostino: «Un altro torto arbitrale. Fortunatamente non giocheremo più qui». Fracchiolla: «Mercato senza botti». Emmausso: «In casa mostrerò le mie qualità»

Il tecnico e il diesse recriminano: «Siamo presi di mira, non si capisce il perchè. Forse siamo troppo signori». L’attaccante era all’esordio in bluceleste

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Post partita al veleno anche per Giana Erminio-Lecco. A scatenare le proteste blucelesti è stato, questa volta, il rigore non assegnato per un fallo di mano di Palazzolo nel finale, decisione avversa che fa il paio con il gol non assegnato la scorsa settimana con l’Albinoleffe e, da dire per onestà intellettuale, il penalty non assegnato ai biancoazzurri nel primo tempo per un fallo di Celjak su Perna. In sintesi dal “Città di Gorgonzola”, lievemente più giocabile di sette giorni fa, esce un altro punto da una partita molto sporca: per il Lecco si tratta del terzo pareggio consecutivo, mentre la vittoria manca ormai da metà dicembre; troppo, aldilà di tutte le recriminazioni.

Le parole di D’Agostino

Quando non ci sono gli spazi il Lecco non sa cosa fare:
«Lo sapevamo che sono squadre che giocano sporco su un campo ingiocabile. Nella ripresa abbiamo creato, ma anche nella prima frazione non hanno fatto nulla oltre al gol, situazione su cui dobbiamo stare attenti. Abbiamo creato e ci è stato negato un rigore nettissimo, avevamo creato l’episodio per cercare di vincere, sento parlare poco dei torti che ci vengono fatti».

Emmausso non ha dato frizzantezza:
«E’ una questione di campo impraticabile, bisognava fare novanta minuti di gioco sporco. Ci siamo adattati al campo, Albinoleffe e Giana hanno avuto una palla gol a testa. Il ragazzo ha sofferto, non è il suo stile di gioco e neanche il mio»

Arbitro complessivamente inadeguato:
«In due trasferte ci mancano due episodi importanti. Qua si parla di un episodio a settimana che ci danneggia, si scrive ma rimane tutto nel nostro piccolo orticello e non arriva a chi comanda»

Cambierebbe Emmausso con Mangni in quel momento o lo farebbe prima?
«Michele ci garantisce qualcosa anche da fermo, chi può dire che Doudou avrebbe fatto doppietta con più minuti? Ha determinato e sono contento».

Possibilità intatte per il terzo posto:
«Ci siamo tolti dalle scatole un campo inguardabile, di sicuro prima facevamo fatica a riagguantare le partite e ora abbiamo dato un segnale di mentalità. Qua non si fa calcio».

Lecco di fiammate in questo periodo:
«Con la Lucchese abbiamo fatto noi un errore grossolano e comunque poi ha fatto punti. Fino a marzo non giocheremo a calcio fuori casa, ve lo garantisco, fuori il 90% sarà ingiocabile. Si vive anche di episodi».

Livorno e poi un trittico complesso:
«Nel girone d’andata con le grandi squadre abbiamo le statistiche a nostro favore. Non abbiamo problemi con loro, le partite molto impegnative sono contro chi si deve salvare; oggi sono addirittura spariti i palloni al quinto del primo tempo, a me qualcosa non quadra in questo senso. Siamo sotto osservazione e non capisco per quale motivo».

Le parole di Fracchiolla

Fatica terribile:
«Con le piccole abbiamo fatto male, ma in tante stanno facendo buoni risultati; valeva anche per noi l’anno scorso. Certo è che mi dà fastidio non avere qualche punto in più; le prime due stanno facendo un campionato a parte, ma questi punti avranno il loro peso a fine campionato».

Sull’episodio:
«Per l’ennesima volta siamo stati danneggiati, forse siamo troppo signori con la terna arbitrale quando ospitiamo»

Primo e secondo tempo, diversa mentalità:
«Abbiamo iniziato bene, poi abbiamo avuto delle amnesie. Nella ripresa abbiamo avuto un altro spirito e dobbiamo fare complessivamente di più. Non dobbiamo continuare a perdere punti in giro per questi campi».

Settimana di mercato:
«Qualcosa faremo e qualcosa dobbiamo fare, determinati giocatori hanno fatto poco nel girone d’andata. Ci serve giunta che ha la giusta reazione, senza botti finali».

Le parole di Emmausso

Prestazione sottotono:
«Erano due mesi che non giocavo, la condizione fisica l’avevo un po’ persa. Questo campo era difficilissimo, non era facile. Secondo me abbiamo fatto una buona partita e abbiamo giocato, arrivando spesso al cross. Siamo un’ottima squadra».

Cos’è mancato nel primo tempo:
«Giocare contro squadre non è facile per nessuno, nonostante questo abbiamo giocato e abbiamo provato a creare».

Esordio:
«Sicuramente la voglia era tanta, sapevo che il campo non mi avrebbe aiutato. Ho giocato sulle seconde palle e non sono abituato, meno male non si torna più qui. In casa posso mostrare le mie qualità»

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio