Seguici

Volley

Non c’è due senza tre: AcciaiTubi Picco Lecco, anche la Sardegna è terra di conquista. Le biancorosse non scivolano sull’insidia Capo d’Orso. Soddisfatti Milano e Manzano

Terzo successo consecutivo della compagine lecchese, che sbanca anche il non semplice campo sardo e mantiene la vetta insieme alla Tecnoteam AlbeseVolley. Ora il derby

Foto-vittoria per l'AcciaiTubi Picco Lecco FACEBOOK
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Ottimo avvio di campionato per l’AcciaiTubi Pallavolo Lecco Alberto Picco, che si conferma già in palla grazie alla preziosa vittoria conquistata sul campo della Pallavolo Capo d’Orso Palau. Terzo successo in altrettante uscite per la compagine lecchese, lanciata in vetta in un duello già appassionante con la Tecnoteam AlbeseVolley, prossima avversaria, sabato pomeriggio alle ore 18, attesa al “PalaTaurus” di viale Brodolini. Il match in terra sarda, per la prima volta andato in scena alle 20.30 e non a metà giornata, è stato caratterizzato da un’efficacia a intermittenza delle due difese, inoltre entrambe le squadre hanno discusso, sempre rimanendo nei canoni del rispetto, con il duo arbitrale per delle decisioni ritenute errate. Alla fine il risultato ha premiato la compagine tecnicamente più forte, ma Capo d’Orso ha dimostrato di poter essere un osso decisamente duro per tutti.

La partita

Coach Gianfranco Milano ha scelto di mandare subito in campo Elisa Manzano, al debutto assoluto e inserita nel sestetto sceso in campo dal primo minuto. Le biancorosse hanno cercato per tre-quattro volte lo strappo, cosa riuscita nella seconda metà della frazione, quando una miglior tenuta difensiva e una rinnovata incisività a muro hanno regalato i punti necessari per portarsi sul 18-24, quando un errore in battuta delle biancoverdi ha mandato in archivio il set. Andamento più regolare per la seconda frazione: dopo una lunga fase caratterizzata dal cambio palla, l’AcciaiTubi ha piazzato un parziale di 0-5 (da 11-8 a 13-11) che ha spostato l’equilibrio in maniera decisiva sul lato lecchese anche dopo i vari cambi operati da coach Milano. Nonostante un brivido sul finale (23-23), sono bastati due scambi ai vantaggi (24-26) per regalare anche il secondo punto della partita alle biancorosse.

Nel terzo parziale, nonostante una partenza incoraggiante (1-4), l’AcciaiTubi ha concesso, in maniera abbastanza incomprensibile, sempre più spazio a Capo d’Orso (10-6, 14-7, 16-8) e il tentativo di miracolo (21-15) è stato subito spento dalle biancoverdi, aggiudicatesi con estremo merito il set (25-17). Lo sbandamento non è, comunque, durato che lo spazio di una frazione: dopo una prima fase decisamente equilibrata (11-11), le lecchesi hanno accelerato proprio nel momento in cui contava di più farlo (15-17), sfruttando una ritrovata compattezza a livello difensivo e capitalizzando il tutto con la stoccata finale di Elisa Manzano su una difesa troppo lunga delle sarde (19-25).

Valli: 19 punti

A fine partita lo score parla chiaro: ad emergere sopra le altre, in attacco, è soprattutto la prestazione della banda Greta Valli, autrice di 19 punti complessivi e di un +11 alla voce V-P; alle soglie della doppia cifra anche Elisa Manzano (9 punti), autrice di 4 muri sugli 11 realizzati dalla squadra. Buone le percentuali in ricezione di Arianna Lancini (36% perfetta, 70% positiva, 10 punti) e del libero Silvia Lussana (40% e 80%). La squadra di casa manda in doppia cifra ben quattro giocatrici, tra cui l’ottima Aliberti (+9 V-P).

Pallavolo Capo d’Orso Palau 1-3 AcciaiTubi Picco Lecco

Parziali: 18-25; 24-26; 25-17; 18-25.

Capo d’Orso Palau: Cecchi 8, Mezzi 10, Sintoni 1, Aliberti 12, Tesanovic Ali. 11, Moretto 12, Fezzi 4, Ghezzi, Tesanovic Ale., Formaggio (L), Menardo. All: Antonio Guidarini.

Picco Lecco: Lancini 10, Martinelli 7, Dall’Igna 5, Focaccia 8, Valli 19, Manzano 9, Mandaglio, Mainetti, Mambelli, Ratti 7, Lussana (L), Grazia. All: Gianfranco Milano.

Durata set: 22′, 28′, 26′, 26′.

Arbitri: Riccardo Faia e Federica Raffo.

«Vinta una partita difficile»

Logica soddisfazione per coach Gianfranco Milano: «Abbiamo portato a casa una partita difficile, del resto sapevamo di trovare una squadra agguerrita e ben più in forma rispetto a quanto fatto vedere durante le prime due uscite. Abbiamo giocato benissimo nei primi due set, con continuità e attenzione, mentre nel terzo abbiamo lasciato tanto campo; recuperare un po’ nel punteggio ci ha dato la spinta per iniziare bene il quarto, equilibratissimo fino a metà quando abbiamo concretizzato alcuni contrattacchi che ci hanno permesso di vincere su un campo ostico. Siamo contenti di aver sofferto e di aver superato queste difficoltà in vista della prossima gara con Albese».

Primi minuti in campo e match point per l’esperta centrale friulana Elisa Manzano: «Dopo aver dominato i primi due set c’è stata dell’insicurezza nel terzo, poi, nel quarto, abbiamo fatto valere la nostra forza di squadra. Sono contenta di questo debutto, devo prendere ancora il ritmo ma sono contenta di come sono stata sostenuta e aiutata dalle mie compagne. Torniamo a casa con tre punti penso meritati e aspettiamo un derby difficile».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Volley