Seguici

Calcio

Pagelle | Un poker che vale la storia: il Lecco domina, il Como non esiste. E’ una serata da “dieci”

Tutti i blucelesti scesi in campo si mettono in evidenza, ma la prova di Riccardo Capogna (gol e assist) gli vale il voto più alto. Biancoblù non pervenuti

Riccardo Capogna, nove gol in stagione BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 10: zero-a-tre all’andata, quattro-a-zero al ritorno, sette-a-zero come risultato aggregato e un double che mancava dal 28 febbraio 1960. La serata perfetta, in cui tutto funziona splendidamente al cospetto della capolista ed eterna rivale. Se non si spende il “dieci” oggi, non lo si fa più.

Pissardo 7,5: una sola parata, ma complessa e di vitale importanza in avvio. Terza gara di fila con la porta inviolata e con grossi meriti personali.

Merli Sala 7,5: teoricamente potrebbe soffrire Terrani e Gatto, ma il suo dito levato al cielo dopo il 3-0 dice tutto.

Malgrati 7,5: Gabrielloni è tra gli attaccanti più in forma del girone, ma non la vede mai.

Cauz 7: i biancoblù girano al largo, così lui può anche spingersi in avanti in un paio di circostanze.

Celjak 7,5: soldato che sa fare tutto. E lo sa fare bene, rischiando anche di trovare il gol.

Foglia 7: nel primo tempo impiega un attimo a prendere le misure, poi sceglie di abbassarsi fin quasi sulla linea dei centrali per ricevere palloni più puliti da giocare con maestria.

Bolzoni 7,5: un anno fa arrivava a Lecco con l’etichetta del giocatore finito, un anno dopo è tra i migliori centrocampisti di tutta la categoria. Giù il cappello.

Mangni 8: appena trova la misura con il terreno di gioco diventa un’arma letale che il Como non riesce a gestire. Gol e tante giocate interessanti: era sulla lista dei partenti, si è ripreso la titolarità.

(dal 23′ st Masini 7: entra e fa tanta legna nel nuovo 3-5-2).

Iocolano 8: provoca il primo gol, serve l’assist a Mastroianni per il quarto, fa venire il mal di testa a tutta la retroguardia ospite e si spende anche in fase difensiva. Totale.

(dal 36′ st Emmausso sv).

Azzi 7,5: su e giù dalla fascia con qualità e quantità. Una bella scoperta.

(dal 36′ st Nannini sv).

Capogna 8,5: induce Crescenzi all’errore in occasione dell’autogol, poi manda in porta Mangni e infine, dopo un dribbling stretto in mezzo a due avversari, tira giù la porta di Facchin con una botta terrificante dalla distanza per la nona rete stagionale. Trovateci un centravanti più completo.

(dal 29′ st Mastroianni 7,5: entra e mette subito in chiaro le cose con i suoi marcatori, poi mette la quinta rete stagionale. Si sta adattando al ruolo di comprimario con estrema umiltà e sta cogliendo i frutti di tanta serietà. Da Caiazzo con furore, mette la firma su un poker da leggenda).

All. D’Agostino 8: si gioca la carta no-under, un potenziale boomerang, e trova la disponibilità che serve per mandare in campo la bellezza di quattro-attaccanti-quattro contro la capolista. Alla fine ha ragione lui su tutta la linea: c’è partita per i primi dieci minuti, poi è un assolo.

Como 4: un solo tiro in porta per mettere in difficoltà Pissardo, poi il muro crolla alla prima stoccata bluceleste. Derby a parte, dalla capo classifica di aspetteresti sempre compattezza e predominio territoriale, ma viene colpita con le sue stesse armi: solidità difensiva, squadra corta e ripartenze micidiali.

Facchin 6; Iovine 5, Solini 5, Crescenzi 4,5, Dkidak 4,5; Terrani 5 (dall’11’ s.t. Koffi 5), Bellemo 5, H’Maidat 5, Cicconi 5,5 (dal 41′ s.t. Daniels sv), Gatto 5 (dal 36′ s.t. Arrigoni sv); Gabrielloni 5 (dall’11’ s.t. Ferrari 6). All. Gattuso 4,5.

Arbitro sig. Valerio Maranesi di Ciampino 6: rischia di perdere la gara a metà della prima frazione, quando fischia un po’ a casaccio, poi è bravo a recuperarne la gestione in fretta.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio