Seguici

Basket

Lenti, miglior rimbalzista del girone: «Abbiamo alzato l’asticella»

Il lungo di Olginate vanta una media di 12.7 rimbalzi a partita (solo Fall fa meglio in tutta la Serie B) e ha già collezionato sei “doppie doppie” in stagione. «Domenica a Vigevano convinti del nostro potenziale»

Giovanni Lenti, lungo della Np Olginate
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Nel buon momento che la Missoltino.it Np Olginate sta vivendo nel campionato di Serie B c’è un nome che spicca su tutti: Giovanni Lenti. Classe 1996, pisano di nascita e lungo di di professione, Lenti sta dimostrando sul campo il suo valore dopo due stagioni costellate da gravi infortuni (un anno fa fu ingaggiato dal Basket Lecco ma non riuscì a giocare a causa dello stop del campionato causa Covid).

Lenti in stagione, alla vigilia del match di domenica a Vigevano (ore 18), ha messo a referto ben sei doppie doppie tra punti e rimbalzi, ed è finito dieci volte in doppia cifra a livello di rimbalzi conquistati. Con 9.7 punti in 30 minuti di impiego medio, Giovanni è tra i migliori realizzatori della squadra biancoblu di coach Max Oldoini, mentre con 12.7 rimbalzi occupa saldamente la prima posizione nel girone B ed è secondo in categoria alle spalle di Fall (12.9) della Viola Reggio Calabria. Il lungo vanta buone percentuali al tiro (42% da due, 79% ai liberi) e nel suo fatturato aggiunge 1.9 assist e 1 stoppata a partita.

«Si va a Vigevano per vincere, è poco ma sicuro, siamo in un momento di forte crescita – commenta Lenti – Abbiamo alzato la qualità degli allenamenti e questo ci consente di affrontare la stagione in maniera vincente. Anche in trasferta scendiamo sul parquet per la vittoria, guardiamo sempre al presente e alla fine del girone vedremo dove saremo arrivati. Non neghiamo che c’è stata una partenza a handicap ma guardare al passato non serve a niente, ora abbiamo altre potenzialità e obiettivi».

«Sto ritrovando continuità»

Lenti sta vivendo una delle sue migliori stagioni. «Vengo da quasi due anni di stop, per me questo non era facile a livello personale, dovevo ritrovare continuità e le condizioni ideali di gioco. Ho determinate caratteristiche e l’arrivo di coach Oldoini ha fatto migliorare l’attenzione e la mentalità, mi chiede molto e alza la mia asticella personale. Se io vado bene è sintomo che tutta la squadra sta bene. Il nostro gioco verte tanto sugli esterni, noi lunghi facciamo un lavoro sporco ma non vuol dire che ci sacrifichiamo e basta, le nostre caratteristiche combaciano con i compagni e c’è un equilibrio».

Fondamentale anche il recente rientro di capitan Marco Tagliabue. «Ci sta dando un grande aiuto e finalmente torniamo ad avere una torre importante, i suoi centimetri si fanno sentire così come la sua esperienza. Noi ora siamo al completo».

«A Vigevano con serenità»

Vigevano è tra le più attrezzate del girone ma il momento è critico. «Vengono da tre partite non positive, quindi vorranno rifarsi a tutti i costi, mi aspetto una partita nervosa e loro hanno più da perdere. Noi vogliamo vincere e sarà sicuramente una partita fisica, ad alta tensione, nella quale la spunterà chi avrà più sangue freddo. La serenità avrà un ruolo determinante».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket