Seguici

Calcio

Post Lecco-Pontedera, D’Agostino: «Nella ripresa giocati solo dodici-tredici minuti, ma abbiamo mosso la classifica». Fracchiolla: «Il pareggio ci stava dopo due gare così». Marzorati: «Attaccanti non serviti bene»

Amarezza a parte per com’è stata gestita la gara da Baratta di Rossano, il risultato è stato accolto tutto sommato di buon grado in casa bluceleste

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 5 minuti

Post partita con una buona dose di amarezza in casa bluceleste dopo Lecco-Pontedera. Ancora una volta le Aquile non sono riuscite a sfondare contro l’arcigna difesa dei granata, che inoltre hanno potuto godere di un arbitraggio che ha quantomeno assecondato la voglia di toscani di portare a casa un punto. Si allunga la serie positiva di entrambe, che risultano essere tra le poche compagini imbattute nel 2021 e hanno conquistato 12 punti a testa nelle prime sei partite del girone di ritorno; solo la Pro Vercelli ha saputo fare meglio (14). Amarezza a parte, quindi, il risultato è stato accolto tutto sommato di buon grado al “Rigamonti-Ceppi”.

Lecco-Pontedera: le parole di mister Gaetano D’Agostino

Gaetano D’Agostino BONACINA/LCN SPORT

Mister, è stato buon profeta sulla battaglia:
«Loro hanno messo il pullman in difesa, la puoi sbloccare un episodio. Ricordiamoci che in altri momenti queste partite le perdevamo, oggi abbiamo dato continuità di risultati. Oggi non si doveva perdere, non potendo vincere».

Capogna terminale di cui si ha troppo bisogno:
«Si, ma Riccardo se non sarà a disposizione lo metterò in tribuna la prossima volta. Se non era della partita c’era un motivo».

Sulla direzione arbitrale:
«Nella ripresa abbiamo giocato dodici-tredici minuti, s’è perso anche un minuto e mezzo per comminare un’ammonizione. Tre minuti di recupero? Forse aveva l’aereo prima…».

Un po’ ostinati:
«Vero, ma quando trovi una squadra così, che gioca la palla a settanta metri, ti stanchi e non è facile giocare i palloni puliti. Loro giocano così da cinque anni, fanno bene, e vengono da sette risultati utili consecutivi dando fastidio a tutti. Siamo stati bravi, nell’attenzione e nelle seconde palle; acquisendo maturità abbiamo portato a casa un punto visto il nervosismo subentrato, senza portare a casa ammonizioni per proteste».

Nove calci d’angolo e una sola occasione:
«Queste partite non sono facili con nessuno, ci mancavano anche tanti giocatori determinanti. Siamo stati pericolosi nel primo tempo, nel secondo abbiamo calciato troppo verso il portiere; su questo dobbiamo migliorare».

Boccone amaro dopo un altro 0-0?
«Oggi no, con Carrarese, Alessandria e Albinoleffe si. Se avessimo preso gol, avremmo perso».

Chi gioca per il pari con voi riesce a farlo: come invertire la tendenza?
«Dobbiamo pensare solo a noi, se siamo bravi a sbloccarla magari vinciamo 3-0. Con intelligenza e maturità si accetta il pareggio, che in ogni caso muove la classifica nonostante le assenze».

Lecco-Pontedera: le parole di Domenico Fracchiolla

Domenico Fracchiolla BONACINA/LCN SPORT

Arbitraggio che lascia perplessi:
«Ho visto una direzione molto lenta, che ha indubbiamente avvantaggiato il Pontedera, arrivato qui per fare le barricate. Dare cinque-sei minuti cambia, sono andato a dirgli le cose in faccia e sono stato attaccato dai loro giocatori, ma non ho paura di nessuno».

Sul momento:
«Ci sta un pareggio infrasettimanale, ora dobbiamo caricarci in vista del Piacenza. Loro hanno fatto 11 punti nel girone di ritorno, erano in forma e chi pensava un 2-0 o 3-0 non capisce niente di calcio».

Sulla formazione:
«Siamo stati molto bravi a intercettare molte seconde palle. La rosa è lunga e ben costruita, sono un po’ arrabbiato soprattutto per la gara di Carrara che avremmo voluto anticipare al sabato ma loro non ci hanno dato la loro disponibilità e a mio parere oggi ha inciso».

Ora il Piacenza:
«Abbiamo voglia di ridargli lo schiaffo, è stata l’unica partita veramente sbagliata in tutta la stagione. Vedrete che questo punto tornerà utile alla fine».

Non si riesce a trovare soluzioni contro squadre così, preoccupa?
«Abbiamo vinto anche partite bloccate in precedenza. Il Pontedera non è una squadra piccola, tutti gli anni fa dei grandi campionati. Siamo noi, piuttosto, che siamo appena entrati in Serie C; oggi non avevamo di fronte una squadretta, li temevo perché sono ostici e tra i più rognosi in assoluto. Fanno un 3-5-2 quadrato che non concede nulla, pensare di vincere facile era sbagliato».

Impatto del mercato di gennaio:
«Devo fare i complimenti a chi è rimasto, hanno dato un’immediata chanche all’inserimento dei nuovi. Che fossero buoni giocatori lo sapevamo, ma il lavoro dei “vecchi” è stato importante e devo ringraziarli».

Lecco-Pontedera: le parole di Lino Marzorati

Lino Marzorati BONACINA/LCN SPORT

Una partita discreta nel primo tempo, poi è subentrato il nervosismo:
«Abbiamo già fatto un passo avanti, queste partite di solito le avremmo perse. Veniamo da un bel filotto, andiamo a Piacenza con la consapevolezza di poter vincere».

Cos’è mancato?
«Un po’ d’intensità, inoltre loro sono stati bravi a metterci in difficoltà in alcune circostanze».

Sugli esterni:
«In allenamento abbiamo provato a giocare facendo tanti cross, poi nella ripresa abbiamo cambiato assetto e abbiamo creato meno».

Sulla direzione arbitrale:
«Siamo una squadra molto leale, ciò che ha fatto Iocolano nel primo tempo loro non l’avrebbero fatto. Non è il primo arbitro che si fa ingannare dagli urli, la categoria è bassa di livello. La Serie C è questa, sta ai giocatori essere leali, io non riesco a non esserlo».

Como a +11, una considerazione:
«Non m’interessa, guardo al Lecco che ha cominciato l’anno alla grande. Peccato per questo pareggio, guardiamo al Piacenza e alla fine faremo le somme».

Non avete dato il là alle solite ripartenze:
«Possiamo dare merito anche agli avversari, sono stati bravi a non farcelo mai fare. Hanno sempre messo in difficoltà tutti».

Avversario più temuto in ottica play-off:
«Ci sono molte individualità importanti nella Pro Vercelli, ad esempio, ma giocando così faremo fatica a prendere gol, servendo meglio gli attaccanti rispetto ad oggi».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio