Seguici

Calcio

Post Lecco-Juventus U23, D’Agostino: «Oggi siamo una famiglia. Renate? Pensiamo solo ai tre punti». Malgrati: «Tutto in discesa». Capoferri: «Non mi aspettavo di partire così bene»

Prestazione perfetta dei blucelesti contro la seconda squadra bianconera: «E ora ci aspetta una vera e propria battaglia»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 5 minuti

Ventuno giorni dopo il derby si gioca ancora a poker all’ombra del Resegone. Merito di una Calcio Lecco straripante, che rulla la Juventus U23 sin dal primo minuto, segna per due volte nei primi sette e poi arrotonda meritatamente il risultato nel corso della ripresa. Una pranzo molto abbondante durante il potenzialmente molto insidioso lunch match: l’aggressività dei blucelesti non ha dato modo alla seconda squadra bianconera di ragionare e quando la pressione si è allentata le Aquile hanno saputo gestire bene le rade sfuriate ospiti. Tutto com’era stato preparato da mister Gaetano D’Agostino e dai suoi ragazzi durante la settimana: con la classifica accorciata e il Renate in arrivo mercoledì, l’appetito può anche crescere…

Post Lecco-Juventus: le parole di mister Gaetano D’Agostino

Gaetano D’Agostino BONACINA/LCN SPORT

Mister, voi e Pro Vercelli state dando fastidio a Como e Renate:
«I ragazzi oggi sono una famiglia per l’atteggiamento che hanno in campo, prima erano un gruppo. La coesione si vede, sono stati bravi».

Approccio e gestione:
«C’è stata una piccola frazione del primo tempo che non mi è piaciuta, poi siamo stati bravi a riprenderci bene; nel secondo tempo la gestione è stata meravigliosa, abbiamo colpito al momento giusto e abbiamo avuto altre occasioni. È stato importante non subire gol».

Verso la partita di mercoledì:
«Sarà veramente una battaglia, ci dobbiamo preparare a questo».

Qualcosa che va oltre la partita?
«Penso solamente ai tre punti, altrimenti facciamo l’errore di andare con troppa foga. L’obiettivo è quello».

Mangni migliore in campo:
«Sono intervenuto non facendolo giocare per qualche partita, se uno s’isola non fa il bene della squadra. Quando ha capito che deve giocare in funzione degli altri allora fa la differenza e lo sta dimostrando. In fase di non possesso fa un grande lavoro, oggi è funzionale al bene della squadra».

Stesso lavoro per Emmausso?
«L’ho corretto durante la partita. Quanto entri in un reparto come quello è difficile, lo capisco. È un bravo ragazzo, con Doudou ci ho messo cinque mesi e con lui serviranno tempo e lavoro».

Esperienza contro gioventù oggi, si è sentita?
«Consideriamo anche il budget… Loro hanno il miglior attacco, ci sono giocatori che militano in Prima Squadra, se non ci metti qualcosa di più perdi 3-0 e vai a casa».

Iocolano e Mangni:
«A Simone ha fatto un taglio “da qui a qui”, Doudou si è insaccato il tendine rotolueo e fortunatamente non è niente di che».

Con il Renate una partita diversa, anche tatticamente?
«Risponderò volentieri nella conferenza pre partita, ma sicuramente sarà una battaglia. Non è questione nè di modulo nè di giocatori».

Un pensiero sui giovani:
«Giocano meno, ma sono funzionali al progetto, Capoferri e Masini sono entrati benissimo e ci sarà spazio per gli altri. Quando mi giro in panchina sono tranquillo, perchè entrano subito bene in partita»

Post Lecco-Juventus: le parole di capitan Andrea Malgrati

Andrea Malgrati BONACINA/LCN SPORT

Capitano, oggi poche preoccupazioni, ma ti hanno fatto arrabbiare per il fallo su Iocolano:
«Ci sta essere scomposti, ma gli voleva far male e certe cose non possono passare. Si può essere arrabbiati, ma non fare certe entrate».

Una lezione di umiltà per loro:
«Sinceramente non m’interessa molto di loro, l’importante è aver messo un altro tassello».

Partita importante e speciale:
«Ci sarà qualche emozione diversa, tengo di più a un derby. Ho vissuto dei momenti belli da loro, questo è certo».

Atteggiamento giusto:
«Il mister ci ha indicato la strada giusta, è andato tutto in discesa sin da subito e non abbiamo sofferto più di tanto».

Qualcuno dei loro ha lasciato una bella impressione?
«Hanno dei valori, ma in Serie C se non hai mentalità non vai da nessuna parte».

Siete diventati granitici:
«Tutta la squadra si sta impegnando, per noi dietro diventa più semplice non andare in apprensione. Ci abbiamo lavorato, si vedono i frutti».

Cosa è cambiato in due mesi?
«Abbiamo la fortuna di avere gente responsabile, sapevamo di dover dare una sterzata e trovare la quadratura del cerchio. Questa squadra è formata da belle persone, è stato semplice trovare più alchimia; non dobbiamo volare alti con il pensiero».

Post Lecco-Juventus: le parole di Mattia Capoferri

Mattia Capoferri BONACINA/LCN SPORT

Mattia, il valore della Juventus vi ha spinto a dare di più?
«Abbiamo pensato a fare bene oggi, di chi abbia la Juve in rosa non ci è interessato».

Gruppo che c’è:
«Continuando con questa voglia ci toglieremo grandi soddisfazioni. Sono contento soprattutto per la vittoria della squadra. Mi trovo benissimo con under e over, danno sempre i consigli giusti per migliorare».

Futuro importante davanti:
«Penso solo a fare bene giorno per giorno, ciò che verrà lo vedremo più avanti. Sono contento di essere qua e ringrazio tutti per questo».

Momento non facilissimo per gli under:
«Non devo perdere la voglia di continuare così, il mister fa le sue scelte e io devo migliorare».

Bellissima serie di risultati:
«Vincere con il Renate significherebbe mettere un ulteriore mattoncino nel nostro percorso. Ce lo meriterebbe per il lavoro che stiamo facendo».

Ti aspettavi di partire così bene?
«Mi sono ritagliato il mio spazio e, no, francamente non mi aspettavo di partire così bene».

Dedica:
«Alla mia famiglia e a coloro che mi sono stati vicini».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio