Seguici

Calcio

Verso Lecco-Renate, D’Agostino: «Pensiamo ai nostri obiettivi. Saranno granitici, a noi serviranno agonismo e cinismo». I convocati

Il match tra Aquile e Pantere è fatto di materiale potenzialmente esplosivo: le società sono inevitabilmente legate e, anche di recente, non sono mancati degli screzi

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Si avvicina la stesura di un altro capitolo di Lecco-Renate. Al “Città di Meda”, ormai un girone fa, i blucelesti toccarono forse il punto più basso della stagione, incappando in una sconfitta (2-0) figlia di un atteggiamento molle e inconcludente, per nulla scosso dalla lunga fase di superiorità numerica. Oggi, classifica a parte, il trend sembra essersi sostanzialmente ribaltato: le Aquile sono in un momento di forma splendente, non incassano gol su azione da 810′ (Adamoli in Lecco-Lucchese), hanno una delle migliori difese e il terzo miglior attacco del girone; per le Pantere, invece, nelle ultime dieci il rendimento è da dodicesimo posto, lontano da quello che aveva permesso di portare a termine un girone d’andata quasi perfetto per continuità nei risultati. Mettiamoci qualche screzio, sia di data antica che più recente, tra due ambienti societari inevitabilmente legati e ci sono tutti gli ingredienti per una partita scoppiettante. Materiale esplosivo che mister Aimo Diana e mister Gaetano D’Agostino devono saper maneggiare con cura.

Verso Lecco-Renate, la conferenza di mister Gaetano D’Agostino

Mister, rispetto a un girone fa i valori emotivi sembrano essere capovolti, è pericoloso?
«Ci dobbiamo concentrare sull’obiettivo, tutto qui. Stanno davanti a noi, tanto di cappello; servirà tanto agonismo, con quello possiamo sopperire anche ad alcuni aspetti tattici. Dovremo vincere i duelli e, per questo, penso che potremo avere un modulo simile al loro. All’andata siamo partiti bene, ma al primo errore siamo stati puniti; dovremo sfruttare ogni occasione che avremo».

Sull’aspetto tattico:
«Credo che anche loro cercheranno di affrontarci con un atteggiamento diverso, la loro forza è quella di essere granitici. Non credo verranno qui a consentirci le ripartenze e le transizioni uno contro uno. Non sarà come con il Pontedera, ma certamente ogni particolare sarà curato. D’altro canto loro hanno i centrocampisti migliori sui tiri da lontano e calciano bene anche da fermo; non dobbiamo fare falli stupidi vicino all’area, rispettandoli e mettendoci grande intensità. Sarà una battaglia sportiva, in cui dovremo mettere cinismo e ottenere continuità nei risultati».

Lecco lanciato, Renate il test giusto:
«Sono undici finali, come lo sarà con il Novara. Quando c’è il rush finale e si gioca spesso è normale che così, dovremo essere bravi a gestire le energie mentali, sfruttando il trend positivo».

Over e under:
«Il Renate li ha tolti già prima di noi. Partiamo da un presupposto: il giovane forte e completo è già in Serie A, in Serie C va costruito. I nostri sono bravi, veramente bravi, ma dopo la leggerezza iniziale arrivano i punti e momenti che pesano, responsabilità che dobbiamo togliere e dare ai più esperti; ci stiamo giocando qualcosa d’importante, che si terzo o quarto posto. Non sono stati accantonati, ci crediamo e il gol di Capoferri contro la Juventus U23 mi ha dato una felicità tripla. Non vuol dire che domani Mattia non possa giocare da quinto di sinistra…».

Partita decisa dagli interni di centrocampo?
«Oggi proverò due-tre cosette, si può interpretare in due modi diversi la partita: o con una forte aggressività o in modo diverso».

Iocolano e Mangni, le loro condizioni:
«Doudou è convocabile, Iocolano anche: la botta è stata forte, ma ringraziando Iddio è ok».

Verso Lecco-Renate: i convocati

In casa-Lecco non saranno sicuramente della partita Giorgio Galli (rottura del legamento crociato destro) ed Ermes Purro (risentimento muscolare); ancora assente Ferdinando Mastroianni (problema alla schiena), mentre Doudou Mangni (problema al ginocchio) e Simone Iocolano (taglio all’addome) sono dati per pienamente recuperati. Negativo l’esito dei tamponi cui è stato sottoposto tutto il gruppo squadra.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio