Seguici

Calcio

Lecco troppo molle per essere vero: a Novara arriva una sconfitta pesante

La serie positiva si interrompe al “Piola” dopo undici partite. Blucelesti rivedibili dietro e poco “cattivi” in attacco, piemontesi spietati a ogni ripartenza: finisce 3-0

Riccardo Capogna stacca ma non riesce a dare forza al pallone (Foto MATTEO BONACINA/LCN SPORT)
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

A Novara si interrompe la serie positiva del Lecco che durava da undici giornate, sotto i colpi di una squadra compatta che riparte, cerca e vince tutti gli uno contro uno. Decidono le conclusioni dalla distanza, ma soprattutto la cattiveria che emerge dalle giocate piemontesi e manca invece nei blucelesti. Il primo tempo è buono, ma all’intervallo si va sotto 2-0 e lì la partita, di fatto (e colpevolmente), finisce.

Al 4′ prima conclusione in porta del Novara su punizione, parata in angolo di Pissardo. Il vantaggio subito dopo con Migliorini, che in acrobazia su cross dalla destra prende il tempo a Cauz e infila il vantaggio (c’è anche una deviazione decisiva). Al 7′ Corsinelli calcia dalla distanza, intervento del portiere bluceleste.

Al 15′ prima occasione per il Lecco, cross lento ma preciso di Azzi da sinistra, Capogna stacca di testa ma regala il pallone a Lanni. Poco più tardi da sinistra crossa Mangni crossa sempre dalla fascia mancina, Capogna di testa non dà forza. La grande occasione al 35′, punizione di Iocolano in area, Mangni tenta la rovesciata, palla a Capogna che da un metro prima trova Schiavi e poi la risposta di Lanni. Oltre il recupero il raddoppio: Zunno va via con un po’ troppa libertà, si accentra e lascia partire un destro imparabile per Pissardo.

Ripresa: il Lecco sparisce

Dentro Marzorati e fuori Masini, Celjak passa a destra e sforna subito un bel cross su cui Mangni cerca una difficile “bicicletta”. Al 50′ dal giovane Zunno un’altra splendida conclusione, accentrandosi, col destro a incrociare, sfiora il palo. Panico al 55′ si crea lo spazio per il tiro da fuori, molto potente, che costringe Pissardo a un incerto doppio intervento per mettere il pallone sopra la traversa.

Il Lecco fatica ad attaccare, al Novara basta sempre l’uno contro: Panico sfida la difesa bluceleste, si accentra e ancora dalla media distanza infila Pissardo. Reazione sui piedi di Iocolano che crede poco nel bel cross di Azzi e tocca solo con la suola, fuori.

Il match va spegnendosi, i cambi non portano nulla: Lanini al 79′ calcia da posizione defilata, Pissardo coi guantoni. Azzi all’80’ sfiora l’incrocio dei pali con un sinistro potente. Ennesima ripartenza Novara, Cisco vince un dribbling ma conclude alto. Ultimi brividi al 92′ su un cross deviato su cui Lanni pasticcia, e al 94′ con il colpo di testa di Azzi. Finisce 3-0, sconfitta meritata e pesante che riporta bruscamente il Lecco con i piedi per terra dopo due mesi a tutta.

Novara 3-0 Calcio Lecco 1912 (2-0)

Marcatori: Migliorini (N) al 5′, Zunno al 47′ p.t.; Panico (N) al 19′ s.t.

Novara (4-2-3-1) Lanni; Colombini (dal 23′ s.t. Bellich), Pogliano, Corsinelli (dal 29′ s.t. Lamanna), Migliorini (dal 23′ s.t. Buzzegoli); Schiavi, Collodel; Piscitella (dal 16′ s.t. Malotti), Lanini, Zunno (dal 29′ s.t. Cisco); Panico (Desjardinis, Moreo, Pagani, Bianchi, Rossetti, Pellegrino). All. Banchieri.

Lecco (3-4-3): Pissardo; Celjak, Malgrati, Cauz (dal 29′ s.t. Nannini); Masini (dal 1′ s.t. Marzorati), Bolzoni (dal 14′ s.t. Marotta), Foglia (dal 29′ s.t. Lora), Azzi; Mangni (dal 25′ s.t. Emmausso), Capogna, Iocolano (Borsellini, Liguori, Purro, Nesta, Moleri, Raggio, Capoferri). All. D’Agostino.

Arbitro: De Tommaso di Rimini

Note. Ammoniti: Malgrati, Nannini. Angoli: 5-4.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio