Seguici

Calcio

Lecco non pervenuto, alla Pro Patria basta il minimo sforzo per vincerla

I blucelesti pagano a caro prezzo le fatiche psicofisiche di Crema e le assenze: molli e poco mobili, non tirano mai in porta se non con un colpo di testa di Azzi nella ripresa. All’85’ Gatti da corner li castiga

Kolaj a tu per tu con Pissardo (Foto MATTEO BONACINA/LCN SPORT)
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Lecco troppo brutto per essere vero, stanco e poco costruttivo. Alla Pro Patria, dopo venti minuti buoni, basta una fiammata in un secondo tempo davvero spento per conquistare un corner e vincerla, a confermarsi bestia nera dei blucelesti.

Prima conclusione di Brignoli all’8′, puntata fuori di poco. Al 9′ Kolaj da destra entra in area e calcia debolmente su Pissardo, al 13′ Pizzul arriva di gran carriera da sinistra ma non inquadra la porta. Ancora Pro Patria al 17′ con la punizione di Bertoni sulla quale interviene Lombardoni di testa che non c’entra la porta. Kolaj si ritrova la palla sui piedi a tu per tu al 18′ dopo un rimpallo, bravo Pissardo a far da schermo. Kolaj è imprendibile e al 26′ da destra va via a due avversari, andando praticamente a sbattere contro Pissardo.

Ripresa a ritmi bassi

Nel secondo tempo il ritmo non cambia, anzi cala ancora se possibile. Il Lecco fa ancora molta fatica. Punizione di Lombardoni al 53′, calciata benissimo, a sfiorare il palo. Non si annotano occasioni ghiotte né da una parte né dall’altra. L’unico tiro nello specchio della porta nella ripresa è all’82’ con Bertoni che trova la riposta in due tempi di Pissardo. Si sveglia anche il Lecco con il cross da sinistra su cui va a tagliare Azzi che di testa impegna Greco senza riuscire a dare grande forza.

Dal nulla il gol della vittoria per la Pro Patria, all’85’: calcio d’angolo, Cauz perde la marcatura di Gatti che a non più di tre metri dalla porta calcia al volo e insacca. La vince la Pro Patria, con il minimo sforzo. Il Lecco paga carissima la partita di Crema trascorsa a rincorrere avversari e punteggio, oltre che le numerose assenze, e manca clamorosamente all’appuntamento.

Calcio Lecco 1912 0-1 Pro Patria (0-0)

Marcatori: Gatti (PP) al 40′ s.t.

Lecco (4-3-3): Pissardo; Celjak, Merli Sala, Cauz, Nannini (dal 27′ s.t. Capoferri); Marotta (dal 42′ s.t. Mastroianni), Bolzoni, Masini; Mangni (dall’11’ s.t. Azzi), Capogna (dal 27′ s.t. Emmausso), Iocolano (Borsellini, Bonadeo, Mastroianni, Malgrati, Malinverno, Purro, Nesta, Haidara). All. Mancino (squalificato D’Agostino).

Pro Patria (3-5-2): Greco; Gatti, Lombardoni, Boffelli; Colombo, Nicco, Bertoni, Brignoli (dal 15′ s.t. Galli), Pizzul (dal 45′ s.t. Saporetti); Kolaj (dal 33′ s.t. Castelli), Parker. (Mangano, Compagnoni, Molinari, Cottarelli, Le Noci, Fietta, Spizzichino, Ferri, Vaghi). All. Sala (squalificato Javorcic).

Arbitro: Carrione di Castellamare di Stabia.

Note. Ammoniti Iocolano. Angoli: 3-2.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio