Seguici

Video

AcciaiTubi Picco Lecco, un ciclone su Capo d’Orso: secco 3-0, è finale promozione! Brutto infortunio per capitan Focaccia

Serio infortunio per il capitano delle biancorosse, accasciatosi al suolo durante le battute finali del primo set. Le compagne le rendono onore con una grande vittoria

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

La vittoria è tutta per capitan Martina Focaccia, che deve abbandonare la contesa sul primo set point della prima frazione e con ogni probabilità dovrà saltare anche la finale promozione per la Serie A2. In suo onore l’AcciaiTubi Pallavolo Lecco Alberto Picco gioca una partita strepitosa contro Capo d’Orso Palau, rovesciando completamente (3-0) la sconfitta patita in Sardegna (3-2) e guadagnandosi l’accesso alla serie che vale un posto nella seconda categoria nazionale. Al “Bione” le biancorosse conducono la partita dal primo all’ultimo punto nonostante la versione decisamente volitiva delle sarde, rette soprattutto da Degortes in ricezione e difesa, Sintoni in cabina di regia e Mezzi in posto 4; più a corrente alternata l’ex Cindy Lee Fezzi. Una versione volitiva che, però, viene decisamente meno nel terzo e decisivo parziale, bloccata spesso e volentieri a muro da Manzano e Lancini, contributo che si somma alla continuità di Valli in posto 4. Il sorteggio, a inizio settimana, dirà quale sarà la contender al sogno A2.

Per quanto riguarda il match, questo ha avuto lunga vita soprattutto nel corso del primo set, quando Palau è riuscita a rimanere incollata fino alle battute finali all’AcciaiTubi (21-19), ma la buona quantità di palle set messe insieme dalle padrone di casa (24-20) ha permesso di superare il fattaccio che ha visto coinvolta Focaccia, atterrata accidentalmente sopra il piede di Ratti e infortunatasi in maniera seria al ginocchio destro come testimoniato dalle sue agghiaccianti urla di dolore. Decisamente più ampio il divario con cui le due compagini arrivano ai punti caldi di secondo (21-16) e terzo set (22-11), quando una schiacciata senza muro di Grazia manda avanti le biancorosse.

Foto Luca De Cani/PICCO LECCO

Valli Mvp: 17 punti

Con la prematura uscita di scena di capitan Focaccia è soprattutto Greta Valli, tra gli altri leader emotivi del gruppo, a caricarsi sulle spalle il peso offensivo della squadra: a fine partita sono 17 i punti totalizzati (2 aces, 1 muro) dalla banda su 32 tentativi portati (0,44 efficienza), cui si somma il 30% in ricezione perfetta (+11 V-P). Doppia cifra anche per l’opposto Sonia Ratti (11 punti, 2 aces, +7 V-P), per la schiacciatrice Arianna Lancini (10 punti, 2 muri) e la centrale Elisa Manzano (10 punti, +9 V-P). Nota di merito per Camilla Grazia, che ha avuto il non facile compito di sostituire fisicamente Focaccia in campo e ha messo a referto 3 punti, tra cui quello che ha regalato la vittoria finale. Tra le fila di Palau è la sola Fezzi a toccare quota 10 punti.

AcciaiTubi Picco Lecco 3-0 Capo d’Orso Palau

Parziali: 25-22, 25-16, 25-16.

Picco Lecco: Dall’Igna 1, Lancini 10, Valli 17, Manzano 10, Focaccia 3, Ratti 11, Lussana (L), Mandaglio, Mainetti, Grazia 3. Ne: Martinelli, Esposito, Biava. All: Gianfranco Milano.

Palau: Sintoni 2, Fezzi 10, Mezzi 8, Aliberti 6, Menardo 4, Moretto 7, Degortes (L), Formaggio, Ghezzi 5, Cecchi 2, Tesanovic Alice. Ne: Tesanovic Alex. All: Antonio Guidarini.

Durata set: 33′, 26′, 25′.

Le interviste a Milano, Lancini e Grazia

Così coach Gianfranco Milano: «Sicuramente l’incidente di Martina (Focaccia, ndr) avrebbe potuto affossarci, invece siamo stati bravi a stringerci ancora di più, usando pazienza e concentrazione in tutti i fondamentali. Nel terzo set abbiamo spinto ancora, siamo contenti di proseguire ed è un traguardo storico quello della finale. Abbiamo sofferto dopo aver perso a Palau, stasera abbiamo spazzato via tutti i dubbi. Sono venute fuori le individualità che possono aggregare la squadra, Valli si è presa responsabilità su tutto tenendo tranquilla la squadra. Grazia è entrata carica, facendo ciò che sa fare. Sono venute fuori le ragazze che hanno dimostrato di tenerci e hanno voluto arrivare in finale. Undici partite da preparare? Beh, no, alcune come Albese le conosciamo già anche se su alcune dobbiamo imparare tutto. Ne riparleremo lunedì, quando avremo tutti gli abbinamenti». 

Così la giovane centrale Camilla Grazia: «La partita era difficile, sapevamo di dover mettere in campo l’impegno massimo. Sono stata contenta di poter contribuire, anche se l’occasione è arrivata a causa dell’infortunio di Martina (Focaccia, ndr). Questa finale ce la siamo portata a casa. La nostra versione migliore? Le abbiamo messe molto in difficoltà con la battuta, loro ci hanno creduto via via sempre meno».

Un breve pensiero anche di Arianna Lancini: «Speriamo che Martina si riprenda presto. Ti aspettiamo!».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Video