Seguici

Calcio

Lecco, serve la prima vittoria. Zironelli: «Il Legnago è consolidato. Butteremo tutto in campo, se lo meritano ragazzi e tifosi»

Blucelesti chiamati a invertire la tendenza negativa dopo due sconfitte di fila, veneti reduci da una vittoria a tavolino e da un pari, ma ancora in cerca di assestamento

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Vigilia di campionato numero due in casa Calcio Lecco 1912, che segue la sconfitta patita in casa della Pro Vercelli all’esordio. Sconfitta immeritata e discretamente dolorosa, per com’è arrivata, ma da mettersi necessariamente alle spalle per approcciare al meglio la gara con il Legnago. Da una parte mister Mauro Zironelli, dall’altra mister Giovanni Colella: due tecnici navigati ed esperti, alle prese con squadre ancora lontane dalla loro versione ottimale; a Lecco si è cambiato di più, in Veneto complessivamente meno, ma le compagini si assomigliano per il mix di under e over che troveranno spazio durante l’anno. I blucelesti, però, avranno la necessità di cogliere la prima vittoria stagionale dopo i due passi falsi consecutivi in altrettante gare ufficiali.

Verso Lecco-Legnago: le parole di mister Mauro Zironelli

Mister, una nuova occasione dopo due sconfitte:
«È quello che vogliamo tutti, ci siamo preparati per questo. Non ci è andata bene a Vercelli, dobbiamo cercare di farla girare perché qualcosa ci è stato tolto. Dovremo avere cattiveria».

Sul centrocampo:
«Qualcosa di diverso dobbiamo provare perché a Vercelli abbiamo fatto poco, serviranno soluzioni diverse e più aggressive. Mi aspetto questo, anche i ragazzi lo merita dato che stanno lavorando bene. Anche Di Munno ha fatto una preparazione un po’ altalenante. Lì abbiamo Lora e Masini, abbiamo provato anche altre soluzioni, vediamo cosa ci capita con la rifinitura».

Koi Sushi 5 euro - Medium

Su Kraja, squalificato e multato:
«Era l’ultima cosa che serviva, di giocatori ne abbiamo già abbastanza fuori. Non mi piace, comunque, parlare degli assenti. Chi andrà in campo farà il meglio: sono fiducioso perché li ho visti carichi e motivati, i sacrifici dei nostri tifosi vanno ripagati buttando tutto in campo».

Sugli indisponibili:
«Galli sarà a disposizione nel giro di due settimane. I nuovi si stanno inserendo bene, li vedo vogliosi e sul pezzo. Celjak? Sta bene, ha fatto tutto e potrà venire in panchina».

Su Ganz:
«Sposta gli equilibri in Serie C, come Morosini e Iocolano. L’importante è che non abbia intoppi, ha avuto una preparazione frastagliata. In campo dall’inizio? Non mi sembra il caso. Bisogna attaccare la profondità e portarlo a livello ottimale di condizione: pensavo stesse peggio, il fisico lo aiuta perché non è alto due metri; diverso il discorso per Morosini per la struttura fisica, ma domenica è entrato bene. Avremo tanto bisogno di loro, ma procedendo per gradi».

Sul Legnago:
«Ha una struttura consolidata, un giusto mix tra giovani e vecchi. Hanno velocità e tecnica, non sono da prendere sottogamba, ci sono elementi come Gomez e Lazarevic che hanno fatto la Serie A. Dovremo mettere in evidenza le nostre caratteristiche».

In attacco c’è sovrabbondanza di giocatori?
«L’importante è avere la possibilità di scegliere e che i giocatori stiano bene. Con l’arrivo di Ganz abbiamo tutto per fare benissimo tutto quello che vogliamo, abbiamo voluto qualcosa di diverso per questo. L’importante sarà avere la giusta carica agonistica, con lucidità in fase di possesso e agonismo in fase di non possesso. Scuse e alibi sono finiti, dovremo andare in campo con la caparbietà giusta per ottenere la vittoria».

Lecco-Legnago: i convocati

Subito convocato Ganz, che prende la “9” lasciata libera da Buso (“99”).

Condividi questo articolo sui Social
Koi Sushi 5 euro - Medium

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio