Seguici

Calcio

Ogni cinque giorni

Nove partite in quarantacinque giorni: in casa Lecco il calendario si fa più fitto e prevede tante partite di cartello. Si parte dalla FeralpiSalò del mai amato ex Oscar Magoni

Il Lecco esulta BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Pro Vercelli, Legnago e Giana Erminio sono il passato, dalla FeralpiSalò in avanti ci sarà poco tempo per guardarsi indietro. Nel giro di 45 giorni, infatti, la Calcio Lecco 1912 scenderà in campo nove volte: la media, spaccata alla cifra intera, è di una partita ogni cinque giorni; entro novembre, quindi, i valori del girone “A” saranno bene o male delineati. Si capirà chi potrà fare la corsa per vincere, chi potrà lottare per le posizioni immediatamente sotto la vetta, chi potrebbe entrare a far parte della zona compresa tra il sesto e il quindicesimo posto e chi, infine, dovrà lottare per garantirsi un posto in categoria anche per la prossima stagione.

  • 19 settembre – Lecco-FeralpiSalò
  • 26 settembre – Triestina-Lecco (anticipo?)
  • 29 settembre – Lecco-Pro Patria
  • 3 ottobre – Fiorenzuola-Lecco
  • 9 ottobre – Lecco-Padova
  • 17 ottobre – Mantova-Lecco
  • 21 ottobre – Lecco-Renate
  • 24 ottobre – Pergolettese-Lecco
  • 31 ottobre – Lecco-VirtusVecomp Verona

Gestione della rosa e ambiente

Se il Lecco 2020/2021 e il Lecco 2021/2022 sono paragonabili dal punto di vista del potenziale, ecco che la vera discriminante potrebbe essere quella legata alla gestione della rosa: ci ricordiamo tutti come, proprio dopo un avvio ottimo, i blucelesti s’incartarono su loro stessi solo un anno fa anche per via di alcune scelte tecniche messe ampiamente sotto accusa. La fase in cui si entra è delicata anche dal punto di vista ambientale: partite tra un po’ di scetticismo, le Aquile hanno guadagnato del credito grazie agli ultimi 180′ e un’altra bella botta potrebbe arrivare domenica pomeriggio.

Indubbiamente la FeralpiSalò è tra le maggiori candidate, per gli addetti ai lavori, a un campionato di altissima classifica nonostante una partenza non pienamente in linea con le aspettative, con tanto di eliminazione in Coppa arrivata ieri. Quello del fine settimana è, quindi, il primo big match della stagione che si vedrà all’ombra del Resegone, reso ancora più pepato dalla presenza dell’ex allenatore Oscar Magoni nei quadri dirigenziali dei bresciani. L’esperienza dell’ormai ex tecnico, da tempo passato dietro la scrivania, a Lecco fu tumultuosa, sintetizzatasi nella retrocessione in Seconda Divisione di fine anno patita a Como. Sono passati dieci anni abbondanti, ma certe ferite sembrano non volersi cicatrizzare mai: una vittoria netta darebbe a tutto l’ambiente una fiammata che potrebbe bruciare tutte le scorie di un anno abbondante passato fuori dalle leggendarie mura del “Rigamonti-Ceppi”. Non a caso ci si aspetta un pubblico numericamente importante per il pomeriggio di domenica.

Oscar Magoni BONACINA/LCN SPORT

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio