Seguici

Calcio

Calcio Lecco, D’Agostino: «Questa squadra va aiutata con dei rinforzi». Procopio: «A disposizione del mister». Di Donato: «Vergognoso giocare qui»

Dure accuse del tecnico ospite: «Palloni spariti nel finale, ma da Novara mi avevano avvisato… Gomitata di Ceccarelli? Non l’ho vista». Netto il tecnico bluceleste

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Se il post Lecco-Novara era stato, tutto sommato, contenuto in toni assolutamente civili pur con pareri diametralmente opposti, lo stesso non si può dire del post Lecco-Arezzo. Merito, se così vogliamo dire, delle dichiarazioni rilasciate da mister Daniele Di Donato, tecnico dell’Arezzo che non le ha mandate a dire in sala stampa: «Giocare qui è vergognoso, nel finale sono spariti i palloni e lo stesso direttore di gara mi ha detto di non aver mai visto una cosa del genere. Dominio Lecco a lungo? La mia squadra ha fatto la partita fino all’errore che ha generato la punizione del vantaggio. Gomitata di Ceccarelli a Capogna? Non l’ho vista». Al che il tecnico ospite è stato accompagnato alla porta in modo netto ed educato.

Daniele Di Donato

Sicuramente di tutt’altro parere mister Gaetano D’Agostino: «Fino al 2 a 0 penso che non ci sia stata partita. Si tratta di un’occasione persa perché negli ultimi 25 minuti non siamo riusciti a ripartire. La sostituzione forzata di Capogna l’abbiamo pagata cara perché fa un lavoro straordinario, che non siamo poi riusciti a replicare. Ceccarelli può non averlo fatto apposta, ma Capogna è in ospedale con il naso rotto e la gomitata l’ha presa. L’Arezzo ha trovato entusiasmo nel finale, perché ha visto che noi non riuscivamo più ripartire, ma fino a quel momento non aveva visto palla. Dobbiamo essere smaliziati perché nel finale dovevamo portare il pallone verso la bandierina e nasconderla. Rimane il rammarico perché era una partita che potevamo portare a casa con grande merito. Di Donato dice che abbiamo nascosto i palloni? Sfido chiunque a dire che consegna rapidamente il pallone quando è in vantaggio, ho visto giocatori di Serie A insultare i raccattapalle di dieci anni. Questa squadra sta facendo ottime cose, ma ci servono un centrocampista e un attaccante che abbia caratteristiche simili a quelle di Riccardo (Capogna, ndr)». Che sia Saraniti o chi per lui, il tecnico ha messo pubblicamente sul piatto la lista delle sue necessità.

Gaetano D’Agostino

Prima gioia in bluceleste per Matteo Procopio: «Avrei preferito non segnare e vincere, anche se certamente fa piacere. Quello di esterno è il mio ruolo naturale, di conseguenza mi trovo molto bene a giocare lì; in ogni caso sono a disposizione del mister. Dominio Arezzo? Non mi è sembrato, la partita l’abbiamo fatta noi per lungo tempo, poi siamo calati».

Matteo Procopio

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio