Seguici

Calcio

Lega Pro, Assemblea straordinaria dei club: venerdì la ratifica, la lista passa a 24 giocatori. E «vogliamo la riapertura di stadi e palazzetti»

Tanti temi sul tavolo del presidente Ghirelli e delle società: lista bloccata, tamponi, riapertura degli impianti, credito d’imposta, Trapani ed Eleven Sports

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Si è svolta questa mattina l’Assemblea di Lega Pro convocata per dare risposta all’AIC: venerdì prossimo ci sarà la ratifica delle decisioni prese. Da parte dell’Assemblea semaforo verde sui temi affrontati. Il Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha riferito: «Nell’incontro convocato dal Presidente della FIGC Gabriele Gravina, che ringrazio, avevo proposto di passare da 22 a 23 giocatori per quello che riguardava le liste: ma per chiudere occorreva arrivare a 24. In questo contesto noi acquisiamo 2 punti chiave: le liste e il minutaggio. Abbiamo anche posto il tema delle risorse per lo sviluppo della formazione di giovani talenti». Il Presidente Ghirelli ha ricordato di aver sempre ribadito che si sarebbe giocato il 27 settembre: «E così è stato. Ed è un atto di responsabilità di grande valore: dopo mesi di blocco non si poteva che iniziare, al di là delle divergenze».

Si è poi discusso della necessità di riaprire gradualmente stadi e palazzetti, altrimenti si rischia il crack da parte dei club senza risorse dal botteghino e dagli sponsor. Un risultato positivo è stato sicuramente il cambiamento del protocollo sanitario che porta all’effettuazione dei tamponi entro le 48 ore dall’incontro di calcio. I costi sono sempre alti, ma almeno dimezzati: «Un vero passo in avanti è stato compiuto».

Si è parlato anche di due situazioni negative: Trapani e la mancata visibilità di molte partite a causa di guasti tecnici da parte della piattaforma di Eleven Sports. «Eleven risponda in modo chiaro e netto. Noi abbiamo subìto un danno ma contemporaneamente chiediamo scusa ai clienti-tifosi,» ha proseguito il Presidente. Spazio anche al credito d’imposta: «Il Governo e il Parlamento supportino chi si è impegnato. Un ampliamento dei soggetti che potrebbero usufruire del provvedimento annullerebbe i benefici e si trasformerebbe nell’ennesimo intervento a pioggia».

Conclude il Presidente Ghirelli: «Questa è una Serie C con club di alto profilo che ragionano a sistema. Sono un valore del calcio che fa bene al Paese». Venerdì prossimo si discuterà anche di una diversa ripartizione dei fondi previsti dalla legge Melandri.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio