Seguici

Calcio

Verso Lecco-Olbia, D’Agostino: «Siamo carichi, ma non conosciamo gli effetti del riposo forzato. Giocherà chi avrà più fame». I convocati

Il tecnico deve fare i conti anche con il Covid-19, che ha fatto breccia nel gruppo squadra. E manda un messaggio a Di Natale, nuovo allenatore della Carrarese: «È uno spettacolo di persona»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Le ultime due settimane, pur senza calcio, sono state caratterizzate da un’emotività ondivaga in casa Calcio Lecco 1912. La sconfitta interna accusata con la Pro Patria ha rotto un florido periodo tra le mura amiche del “Rigamonti-Ceppi” che andava avanti da ottobre, è stata rinviata la gara con la Pro Vercelli, sono arrivate le dichiarazioni mai banali del patron a dare una sferzata all’ambiente e, comunque, la seconda settimana di allenamenti è stata condizionata dal Covid-19 che ha fatto breccia nel gruppo squadra bluceleste. In vista c’è un’Olbia lanciatissimo (21 punti in 10 partite) dopo la sonora sconfitta (3-0) inferta al Como nel recupero di mercoledì 14: insomma, tanti ingredienti che sono entrati a far parte del pentolone con cui mister Gaetano D’Agostino e il suo staff hanno preparato il match di domenica pomeriggio (ore 15, diretta LCN Stadio).

Verso Lecco-Olbia: la conferenza di mister Gaetano D’Agostino

Mister, come avete lavorato in queste due settimane?
«Non si può programmare, vale per tutte le squadre. C’era tanta adrenalina verso la gara con la Pro Vercelli, poi siamo stati bloccati e abbiamo dovuto rifare la programmazione. Alcune volte il riposo fa bene, ma se è forzato bisogna lavorare sull’adrenalina e difatti abbiamo lavorato sulla competizione. Non vedevamo l’ora di giocare dopo la sconfitta con la Pro Patria, ma serve una mentalità elastica in un momento come questo; spero si torni alla normalità la prossima stagione. Non so se possa far bene o aver creato ruggine questo riposo, di certo i ragazzi sono carichi e vogliono fare una grande partita».

Con l’Olbia uno snodo importante per il terzo posto:
«Tante squadre di vertice stanno avendo un calo, mentre l’Alessandria sta emergendo. Noi abbiamo pagato dazio alla partita con la Pergolettese, quando abbiamo trovato un caldo atroce e con la Pro Patria eravamo scarichi mentalmente tanto che abbiamo preso gol per una disattenzione. Noi abbiamo avuto costanza nel girone di ritorno, dobbiamo puntare al miglior piazzamento possibile per avere una settimana di riposo in più in vista dei play-off».

I sardi si trovano bene contro chi fa la partita:
«Li studio da tutta la settimana, ora sono molto spavaldi. Attendono per ripartire, ma hanno giocatori che hanno fatto la Serie A e oggi stanno bene, sia mentalmente che fisicamente. Dobbiamo rispettare una buonissima squadra e provare a vincere. Serve attenzione, in ripartenza hanno colpi che possono metterci in difficoltà».

Le assenze di Altare e Lella e il vostro schieramento:
«Tre interni di centrocampo. È vero che hanno assenze, ma noi abbiamo le nostre. Ora dobbiamo più che altro pensare all’aspetto mentale, più che mai scenderà in campo chi avrà fame e avrà voglia di onorare questa maglia».

Su sistemi di gioco possibili:
«Ho provato sia la difesa a tre che quella a quattro, oltre a delle varianti negli altri reparti. Dopo l’allenamento di oggi sceglierò i titolari».

Su Filippo Lora:
«Sarà della partita

Sugli infortunati:
«Foglia, Galli, i casi di positività, Mangni che non ha niente di grave ma si sta portando avanti un problema al tendine dai tempi del Monopoli. Il rialzo delle temperature potrà renderlo un’arma in più grazie a freschezza e imprevedibilità. Dev’essere il primo a crederci, anche perchè in caso contrario lo attacco al muro».

Vuoi mandare un messaggio a Di Natale, nuovo allenatore della Carrarese?
«Gli voglio bene, è stata una sorpresa questa scelta. Ho scritto a mister Baldini, che mi ha sempre rispettato da avversario, ma sono contento per Totò perchè può avere delle buone idee di calcio. È uno spettacolo di persona, spero possa avere un futuro roseo»

Verso Lecco-Olbia: i convocati

Le certezze sono rappresentate dalle assenze di Giorgio Galli (lesione del legamento crociato destro) e Fabio Foglia (lussazione dell’articolazione astragalo-calcaneare sinistra con interessamento legamentoso), ma saranno assenti anche Luigi Liguori (problema muscolare), Doudou Mangni (tendine infiammato), Cristian Cauz, Ermes Purro (problema muscolare), Gian Marco Nesta e Marco Moleri (problema al ginocchio). Rientra dalla squalifica il centrocampista Filippo Lora. L’elenco è chiaramente condizionato anche dalle defezioni per i casi di positività al Covid-19 riscontrati la scorsa settimana.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio