Seguici

Calcio

Calcio Lecco, Tacchinardi si aggiunge alla corsa per la panchina bluceleste

Reduce dalla retrocessione di Fano, il tecnico di Crema è rimasto molto legato alla piazza dopo l’esperienza del 2018. Ma piacciono (molto) Zaffaroni e Marchionni

Da sinistra: Marco Zaffaroni, Marco Marchionni, Maurizio Domizzi e Alessio Tacchinardi ELABORAZIONE BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

È in continua evoluzione la corsa alla panchina della Calcio Lecco 1912. Persi per strada Ivan Javorcic (Südtirol), Aimo Diana (Reggiana) e Alberto Gilardino (Siena), è stato giocoforza necessario ampliare il ventaglio dei potenziali tecnici: ai già noti Maurizio Domizzi (Pordenone) e Marco Marchionni (Foggia) e Marco Zaffaroni (Albinoleffe), va aggiunto anche Alessio Tacchinardi (Fano), contattato nei primi giorni di questa settimana. Per lui, reduce dalla retrocessione ai play out con i marchigiani (8 partite, 1 punto di media), si tratterebbe di un ritorno all’ombra del Resegone: clamoroso fu il violento alterco con il patron Paolo Di Nunno avvenuto l’8 aprile 2018 dopo la vittoria casalinga ottenuta ai danni del Darfo Boario, che portò a “tanto così” l’allenatore dal dare le dimissioni. La separazione si consumò circa un mese più tardi e il suo posto venne preso da mister Marco Gaburro. Ma di Tacchinardi rimase il buon ricordo per quanto riuscì a fare con una squadra (13 partite, 6 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, 1,69 media punti) che, prima del suo approdo, rischiava di sprofondare fino agli abissi della zona play out. Il tecnico, dal canto suo, rimase ammaliato dalla piazza e ci sarebbero le basi per un secondo matrimonio.

Alessio Tacchinardi risponde agli applausi della Curva BONACINA/LCN SPORT

Corsa a quattro?

Per quanto riguarda Zaffaroni, certamente il tecnico del sorprendente Albinoleffe, eliminato solo all’ultimo respiro dall’Alessandria, è tra i più interessanti del girone “A”. Ingaggiato dagli orobici a giugno 2019, ha guidato la squadra in 78 occasioni e l’ha condotta a 30 vittorie, 27 pareggi e 21 sconfitte; 87 i gol fatti e 72 quelli subiti, ma soprattutto ha saputo far convivere under e over nello stesso gruppo, portando i primi a crescere esponenzialmente e i secondi a vivere una seconda giovinezza. In scadenza con la società del patron Andreoletti, è sicuramente nei primi posti della lista breve del diesse Fracchiolla. E il ventilato passaggio del diesse Simone Giacchetta alla Cremonese potrebbe fornire una chiave di lettura ulteriore.

Marco Zaffaroni BONACINA/LCN SPORT

Così come lo è Marchionni, inseguito dall’ambiziosa Juve Stabia dopo la buona e tutt’altro che semplice annata di Foggia, dov’è arrivato a ottobre 2020 dopo Capuano e Maiuri. Sarebbero questi i due i primi candidati alla panchina della Calcio Lecco, con Domizzi segnalato un po’ più indietro rispetto alla coppia.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio